Paul Krugman, Premio Nobel per le Scienze Economiche 2008 per il suo lavoro sul commercio internazionale e la geografia economica, è Professore presso il City University of New York Graduate Center.  Questo è il suo articolo sul New York Times pubblicato il 23 luglio 2020.

Qualche giorno fa il Times ha pubblicato un lungo e inoppugnabile articolo su come l’amministrazione Trump sia riuscita a fallire così completamente nel rispondere al coronavirus. Gran parte del contenuto confermava ciò che chiunque, dopo la debacle, sospettava. Una cosa che non avevo previsto, però, era il ruolo apparentemente centrale dell’esperienza italiana.

L’Italia, vedete, è stata la prima nazione occidentale a subire una grande ondata di infezioni. Gli ospedali furono sopraffatti; in parte per il risultato, il numero iniziale di morti infattifu terribile. Eppure i casi hanno raggiunto l’apice dopo poche settimane e hanno cominciato a diminuire drasticamente. E i funzionari della Casa Bianca erano apparentemente fiduciosi che l’America avrebbe seguito un percorso simile.

Noi non l’abbiamo fatto. I casi americani si stabilizzarono per un paio di mesi, poi iniziarono a crescere rapidamente. I tassi di mortalità sono seguiti con un certo ritardo. A questo punto possiamo solo guardare con nostalgia al successo dell’Italia nel contenere il coronavirus: I ristoranti e i caffè sono aperti, anche se con restrizioni, gran parte della vita normale è ripresa, eppure l’attuale tasso di mortalità in Italia è inferiore a un decimo di quello americano. In una tipica giornata recente, più di 800 americani, ma solo una dozzina di italiani sono morti a causa di Covid-19.

Anche se Donald Trump continua a vantarsi del fatto che abbiamo avuto la migliore risposta al coronavirus del mondo, e alcuni creduloni gli credono, la mia ipotesi è che molti sono consapevoli del fatto che la nostra gestione del virus è tragicamente fallita rispetto, ad esempio, a quella della Germania. Può non sembrare sorprendente, tuttavia, che la disciplina e la competenza tedesca abbiano dato i loro frutti (anche se un tempo pensavamo di essere più preparati di chiunque altro ad affrontare una pandemia).

Ma come può l’America fare così tanto peggio dell’Italia?

Non intendo diffondere facili stereotipi nazionali. Per tutti i suoi problemi, l’Italia è un paese serio e sofisticato, non una scenografia comico-operaia. Eppure, l’Italia è entrata in questa pandemia con grandi svantaggi rispetto agli Stati Uniti.

Dopotutto, la burocrazia italiana non è famosa per la sua efficienza, né i suoi cittadini sono noti per la loro volontà di seguire le regole. Il governo della nazione è profondamente indebitato, e questo debito è importante perché l’Italia non ha una moneta propria; questo significa che non può fare quello che facciamo noi, e stampare un sacco di soldi in una crisi.

La demografia sfavorevole e i problemi economici sono anche i principali svantaggi per l’Italia. Il rapporto tra anziani e adulti in età lavorativa è il più alto del mondo occidentale. Il record di crescita dell’Italia è profondamente deludente: La P.D.G.P. pro capite è stagnante da due decenni.

Quando si è trattato di affrontare Covid-19, però, tutti questi svantaggi italiani sono stati superati da un enorme vantaggio: l’Italia non è stata oppressa dalla disastrosa leadership americana.

Dopo un inizio terribile, l’Italia si è mossa rapidamente per fare ciò che era necessario per affrontare il coronavirus. Ha istituito un blocco molto severo, e vi si è attenuta. Gli aiuti governativi hanno aiutato a sostenere i lavoratori e le imprese attraverso l’isolamento. La rete di sicurezza aveva dei buchi, ma gli alti funzionari hanno cercato di farla funzionare; in un gesto supremo, che non potrebbe essere mai stato più lontano dal nostro locale “trumpismo”, il primo ministro italiano si è persino scusato per il ritardo degli aiuti.

E, soprattutto, l’Italia ha abbassato la curva: Ha mantenuto il blocco fino a quando i casi sono stati relativamente pochi, ed è stata cauta nel riaprire.

L’America avrebbe potuto seguire la stessa strada. In realtà, la traiettoria di Covid-19 nel Nord-Est, che all’inizio era stata duramente colpita, ma ha preso sul serio l’epidemia, in realtà assomiglia molto a quella dell’Italia.

Ma l’amministrazione Trump e i suoi alleati hanno spinto per una rapida riapertura, ignorando gli avvertimenti degli epidemiologi. Perché non abbiamo fatto quello che ha fatto l’Italia, non abbiamo abbassato la curva, anzi. Le cose sono state aggravate da un’opposizione patologica a cose come l’uso delle maschere, il modo in cui anche le precauzioni più ovvie sono diventate un campo di battaglia nelle guerre di cultura.

Così i casi e poi i morti sono aumentati. Anche la promessa di un ritorno economico dalla rapida, come dire, riapertura è stata un miraggio: molti Stati stanno reimponendo blocchi parziali, e ci sono prove sempre più evidenti che la ripresa dei posti di lavoro è in stallo, se non in retromarcia.

Incredibilmente, Trump e i suoi alleati sembrano non aver pensato affatto a cosa fare se l’opinione prevalente degli esperti era giusta, e la loro scommessa di ignorare il coronavirus non ha avuto successo. Un boom miracoloso è stato il Piano A; non c’è stato nessun Piano B.

In particolare, decine di milioni di lavoratori stanno per perdere importanti sussidi di disoccupazione, e i repubblicani non si sono nemmeno accontentati di una risposta negativa. Mercoledì i repubblicani del Senato hanno lanciato l’idea di ridurre i sussidi supplementari da 600 dollari alla settimana a soli 100 dollari, il che sarebbe un disastro per molte famiglie.

Per qualcuno come Trump, tutto questo deve essere umiliante – o lo sarebbe se qualcuno osasse dirglielo. Dopo tre anni e mezzo di Making America Great Again, siamo diventati una figura patetica sulla scena mondiale, un racconto ammonitore sull’orgoglio che precede la caduta.

Oggi gli americani non possono che invidiare il successo dell’Italia nel superare il coronavirus, il suo rapido ritorno a una sorta di normalità che è un sogno lontano in una nazione che si congratulava con se stessa per la sua cultura del can-do. L’Italia è spesso definita “l’uomo malato d’Europa”, e questo cosa ci rende?

Fonte: https://www.nytimes.com/2020/07/23/opinion/us-italy-coronavirus.html

Foto 1: https://edition.cnn.com/interactive/2020/health/coronavirus-us-maps-and-cases/
Last updated: July 25, 2020 at 3:00 a.m. ET
Source: Johns Hopkins University Center for Systems Science and Engineering

Foto 2: https://sports.bwin.it/it/news/altri-sport/motogp-regolamento-qualifiche-prove-libere

About The Author

Elena Dal Maso

Fondatrice Kruman e Export Manager per il mercato tedesco. Autrice del libro "Come Vendere ai Tedeschi".